Chiamaci:(+86)-29-8177-7025 E-mail: sales1@bovlin.com
Casa / Notizia / Estratto vegetale / Cosa fa l'apigenina nel corpo?

Cosa fa l'apigenina nel corpo?

numero Sfoglia:0     Autore:Editor del sito     Pubblica Time: 2022-12-28      Origine:motorizzato

Che cos'è l'apigenina 99?Azienda di estratto di apigenina-bovlin

L'apigenina (AP) appartiene ai flavonoidi ed è ampiamente presente in frutta, verdura, fagioli e tè, tra i quali il sedano ha il contenuto più elevato.La struttura chimica dell'apigenina è 4', 5, 7-triidrossiflavone, e i tre gruppi idrossilici e i doppi legami C2C3 nelle posizioni 4', 5 e 7 determinano i suoi effetti farmacologici unici e le sue caratteristiche biologiche.Nella prevenzione dell'ipertensione, l'apigenina può inibire la vasocostrizione causata dalla fenilefrina e da alti ioni K+, ma ha un effetto rilassante più debole sulla vasocostrizione causata dal forbolo.Inoltre, l'apigenina potrebbe non influenzare la vasocostrizione mediata dalla protein chinasi C.Al contrario, induce la produzione di alcuni stimolatori derivati ​​dalle cellule endoteliali, producendo così un rilassamento vascolare dipendente dalle cellule endoteliali.Gli studi hanno scoperto che l'apigenina ha anche effetti antiossidanti, effetti simili agli estrogeni, effetti antibatterici, riduzione della resistenza multifarmaco delle cellule tumorali ed effetti anti-mutazione.Pertanto, l'effetto dell'apigenina sulla salute ha attirato l'attenzione diffusa ed è diventato un punto caldo nella ricerca nutrizionale e farmacologica.


Apigenina nell'estratto di camomilla

L'apigenina viene estratta dai fiori essiccati di camomilla, che è una materia prima di alta qualità cosmetica.Come composto flavonoide, l'apigenina ha varie attività biologiche.

La camomilla (Matricaria recutita L.), nota anche come crisantemo madre, è un'erba annuale.Le sue piante selvatiche sono state trovate per la prima volta in Europa, Nord America e Nord Africa.Il luogo di origine è l'Europa occidentale, ed è adatto alla coltivazione in terreni sabbiosi più miti.Ora c'è un gran numero di coltivazioni artificiali nello Xinjiang, il mio paese, e una piccola quantità di distribuzione nell'Hunan, nel Sichuan e in altri luoghi.La camomilla è ricca di carboidrati e proteine. La camomilla contiene più di 120 tipi di metaboliti secondari, inclusi 36 tipi di flavonoidi e 28 tipi di terpenoidi.Il contenuto di flavonoidi nella camomilla è di circa 0,5.I principali flavonoidi sono apigenina, luteolina, quercetina e così via.Come una sorta di fitoterapia, la camomilla ha una buona attività biologica e l'estratto di camomilla ha un grande valore di utilizzo nei campi della medicina e della cosmesi.


Cosa fa l'estratto di apigenina nel corpo?


Assorbimento e distribuzione dell'apigenina dalla camomilla nel corpo

I flavonoidi si combinano con gli zuccheri nelle piante per formare glicosidi e una piccola parte esiste sotto forma di agliconi.L'assorbimento e la biodisponibilità dei flavonoidi possono essere influenzati dal tipo di glicosidi.I glicosidi flavonoidi (apigetrin) e glicone (apigenina) hanno diversi gradi di assorbimento nel corpo.Yan Liu et al.scoperto che il glucoside di apigenina sembra avere una bassa permeabilità nello studio del modello di sonda gastrica intestinale di ratto, mentre l'apigenina è stata rapidamente assorbita.assorbire.Le ragioni del basso assorbimento dell'apigenina glucoside non sono completamente comprese, ma i possibili meccanismi includono:

(1) Diffusione passiva molto bassa;

(2) idrolizzato di vettore a basso contenuto di glucosio;

(3) L'efflusso dei portatori di efflusso intestinale come la glicoproteina P (MDR1) è correlato alle proteine ​​​​correlate alla resistenza multifarmaco (MRP).

Darina Romanova;ecc., durante la misurazione dell'apigenina nel plasma di ratto, l'apigenina iniettata per via endovenosa alla dose di 25 mg/(kg di peso corporeo), ha rilevato la concentrazione di apigenina rispettivamente a 10, 15, 30, 45, 60 e 90 minuti e l'apigenina iniettata dopo Dopo 30 minuti, il contenuto plasmatico di apigenina di ratti maschi e femmine ha raggiunto la concentrazione massima, che era (30,953±11,284), (26,218±19,366) µmol/L, e gradualmente è diminuito dopo 45 minuti.A 60 e 90 minuti non è stato rilevato sedano nel plasma.bianca.I risultati sperimentali hanno mostrato che l'apigenina ha raggiunto un livello relativamente alto nel plasma di ratto, che è molto importante per esercitare i suoi effetti biologici.Nielsen e Dragsted hanno somministrato ai soggetti integratore orale di sedano (MJ) contenente 3,37~4,49 mg/MJ di apigenina) e hanno rilevato il contenuto di apigenina nei campioni di urina dei soggetti.Durante il periodo di intervento sul sedano, è stata escreta più apigenina nel gruppo test rispetto al gruppo di controllo.Dopo i test statistici, la differenza tra i due gruppi (20,7-5 723,3, 0-1 571,7 µg/24 ore) era statisticamente significativa (P<0,05).Chen et al[11] hanno condotto un test di assorbimento dei flavonoidi con un modello murino di perfusione a quattro siti e hanno concluso che la quantità massima di coniugati di apigenina escreta nell'intestino era di 61 nmol/L per 30 minuti;il tasso di assorbimento dell'apigenina nel colon era il più alto (40%), mentre nell'ileo il più basso (21%).Hellen Mayer et al.ha somministrato ai soggetti 2 g/(kg di peso corporeo) di sedano [equivalente a (65,8 ± 15,5) μmol di apigenina, ha raccolto campioni di sangue e campioni di urina delle 24 ore, quindi ha rilevato il contenuto di apigenina nel plasma, nei campioni di urina e nei globuli rossi.I risultati hanno mostrato che l'apigenina è stata rilevata nel plasma, nei campioni di urina e nei globuli rossi, indicando che una piccola quantità di apigenina fornita attraverso il cibo ha raggiunto il sistema circolatorio umano.


Metabolismo ed escrezione dell'apigenina nel corpo

I principali organi del corpo per metabolizzare i flavonoidi sono il fegato e il tratto digestivo.La maggior parte dei flavonoidi assunti per via orale viene metabolizzata e assorbita nel tratto gastrointestinale e i componenti che entrano nel corpo sono i loro metaboliti piuttosto che i loro componenti originali;per i flavonoidi iniettati per via endovenosa, le reazioni di biotrasformazione si verificano principalmente nel fegato.Nielsen et al.ha rilevato che i metaboliti dell'apigenina erano coniugati glucuronidati e solfatati dell'apigenina, mentre l'apigenina non è stata rilevata nei campioni di urina umana dello studio di intervento sull'apigenina.Lo stesso risultato è stato rilevato anche nell'urina di topo.Gritfth et al. hanno somministrato l'apigenina ai ratti per studiare i metaboliti batterici intestinali e le vie metaboliche dell'apigenina.I risultati hanno mostrato che l'acido p-idrossifenilpropionico, l'acido p-idrossicinnamico e l'acido p-idrossibenzoico sono stati rilevati nelle urine.Agostino et al.studiato il metabolismo dell'apigenina nei ratti attraverso il modello di fegato di ratto perfuso e non sono stati rilevati metaboliti di fase I.Al contrario, sono stati rilevati 2 coniugati monoglucuronidi e un coniugato solfato di apigenina.Inoltre, sono stati isolati e identificati anche due nuovi derivati: coniugati di acido diglucuronico e coniugati di acido glucuronico solfato.I risultati di questo esperimento hanno un importante valore di riferimento per lo studio del metabolismo dell'apigenina.


Le principali vie di escrezione dei flavonoidi, inclusa l'apigenina, sono l'escrezione renale e l'escrezione biliare.Dopo che Nielsen ha somministrato ai soggetti supplementi orali di sedano (contenenti 3,37~4,49 mg/MJ di apigenina), è stato rilevato il contenuto di apigenina nei campioni di urina dei soggetti.Il tasso di escrezione nelle urine è stato stimato pari allo (0,58±0,16)% dell'assunzione.Hellen Mayer et al.somministrato ai soggetti 2 g di sedano (equivalenti a 65,8±15,5 μmol di apigenina) e raccolto campioni di urina delle 24 ore.Il contenuto di apigenina rilevato nei campioni di urina è stato pari allo (0,22±0,16)% della dose assunta.Chen et al.ha utilizzato un modello murino di perfusione a quattro siti per condurre un test di escrezione dei coniugati di fase dell'apigenina II.I risultati hanno mostrato che il 33% del coniugato è stato escreto dall'intestino e il 7% del coniugato è stato escreto dalla bile.


Biodisponibilità dell'apigenina dell'estratto di camomilla nel corpo umanoAzienda di estratto di apigenina-bovlin

La struttura chimica dei flavonoidi determina il loro tasso di assorbimento intestinale e l'identità dei metaboliti circolanti nel plasma.Studi sulla biodisponibilità dei flavonoidi nell'uomo hanno rilevato che la maggior parte (75%~99%) dei flavonoidi ingeriti non può essere rilevata nelle urine, il che può significare che la sostanza non viene assorbita attraverso la barriera intestinale o assorbita nella bile e escreto o metabolizzato da microbi e tessuti intestinali;e i flavonoidi rilevati nelle urine erano stati convertiti da un flavonoide all'altro.In generale, nel corpo umano sono disponibili solo piccole quantità di flavonoidi assorbiti nell'intestino.Gli stessi studi di biodisponibilità hanno dimostrato che se la quantità di flavonoidi ingeriti dal corpo umano non supera la quantità della dieta quotidiana, la concentrazione dei flavonoidi prototipo rilevati nel plasma umano raramente supera 1 μmol/L.Il contenuto di apigenina nella dieta quotidiana è molto basso.In 25 soggetti maschi in Finlandia, è stato stimato che l'assunzione giornaliera media di flavonoidi fosse di 10 mg e l'apigenina rappresentasse solo lo 0,5%.Tra i 725 ricercatori in Ungheria (521 bambini; 204 adulti), l'assunzione media di apigenina nei bambini e negli adulti è stata stimata rispettivamente in (0,57±0,71) e (0,85±0,87) mg/die.Hellen Mayer et al.ha condotto uno studio sulla biodisponibilità dell'apigenina nel sedano nel corpo umano.Undici volontari sani (5 femmine e 6 maschi) hanno assunto sedano a 2 g/(kg di peso corporeo) [equivalente a contenere (65,8 ± 15,5) µmol di apigenina], i campioni di sangue sono stati raccolti a 0, 4, 6, 7, 8, 9, 10 , 11 e 28 ore dopo la somministrazione orale, ed è stato raccolto un campione di urina delle 24 ore.È stato riscontrato che la concentrazione di apigenina nel plasma era la più alta dopo (7,2±1,3) ore di ingestione e il valore medio era (127±81) nmol/L.Per i soggetti, la concentrazione di apigenina nel plasma è aumentata dopo l'ingestione di sedano, scendendo al di sotto del limite di rilevabilità del metodo (2,3 nmol/L) entro 28 ore;il contenuto medio di apigenina nel campione di urina delle 24 ore era (144±110) nmol/24 ore e l'apigenina è stata rilevata anche nei globuli rossi, ma non rifletteva la relazione dose-risposta.Janssen K et al [18] hanno somministrato 5 g di sedano (contenenti 84 mg di apigenina) a soggetti per via orale per 7 giorni in un esperimento crossover randomizzato e non è stata rilevata alcuna apigenina nel plasma.I ricercatori hanno ipotizzato che l'apigenina potrebbe non essere assorbita nell'intestino.Rispetto ai risultati sperimentali di Hellen Meyer et al., questa speculazione potrebbe non essere vera, poiché il limite di rilevamento del metodo di analisi utilizzato è elevato (1,1 μmol/L), il che può comportare il rilevamento di bassi livelli di apigenina nel plasma .


I polifenoli possono legarsi direttamente a componenti alimentari come proteine ​​e polisaccaridi, e questo legame può anche influenzare il loro assorbimento;inoltre, più fattori dietetici (pH, permeabilità intestinale, escrezione biliare, tempo di transito, ecc.) possono influenzare l'assorbimento dei polifenoli;enzimi e trasportatori coinvolti nell'assorbimento e nel metabolismo dei polifenoli possono anche essere indotti o inibiti dalla presenza di alcuni micronutrienti o sostanze esogene.La letteratura ha riportato l'effetto dei componenti di base degli alimenti sulla biodisponibilità dei polifenoli.Tuttavia, ci sono pochi rapporti sugli effetti di altri nutrienti sulla biodisponibilità dell'apigenina.


La determinazione dell'effettiva biodisponibilità dei metaboliti dell'apigenina nei tessuti è più importante della determinazione delle loro concentrazioni plasmatiche, poiché alcuni captazione e clearance tessuto-specifici dei metaboliti o il metabolismo tissutale sono dovuti a meccanismi metabolici intracellulari. La natura dei metaboliti può differire dai metaboliti nel sangue.Resta da studiare se le concentrazioni plasmatiche siano accurati biomarcatori di esposizione.